La meningite è una malattia grave che lascia conseguenze neurologiche irreversibili nel paziente. Informarti sui sintomi e sulle conseguenze della malattia ti può aiutare a conoscerla meglio e a capire perché dovresti avere ancora paura della meningite.

Perché dovrei avere paura della meningite?

La meningite batterica è una terribile malattia che colpisce il sistema nervoso centrale e non si risolve senza lasciare disabilità gravi o, addirittura, provocando la morte del paziente, soprattutto nei Paesi sottosviluppati, dove le cure sono carenti in termini di tempestività e qualità.

Devi sapere che più piccolo è il bambino al momento del contagio, peggiori saranno le conseguenze neurologiche con cui dovrà convivere per il resto della vita. Se non hai ancora pensato alla prevenzione per tuo figlio, forse ti sarà utile sapere cosa potrebbe accadere in caso di infezione e perché dovresti avere paura della meningite.

Quali sono i sintomi della meningite nei bambini?

Nell’infanzia, la meningite può manifestare sintomi diversi a seconda dell’età del paziente, infatti quando la malattia viene contratta nel periodo neonatale i sintomi sono difficilmente riconducibili a una meningite ma appaiono più come manifestazioni di un malessere generalizzato:1

  • irritabilità
  • difficoltà a nutrirsi e a respirare
  • pallore
  • rigonfiamento della fontanella
  • febbre
  • convulsioni

Nei bambini, invece, i sintomi “classici” della meningite sono maggiormente delineati:1

  • febbre
  • brividi
  • vomito
  • fotofobia
  • mal di testa e rigidità del collo

Oltre a questi generici, è possibile anche notare segni riconducibili a un particolare patogeno: ad esempio, la presenza di macchie rossastre possono essere sintomi di una sepsi da meningite meningococcica.2

Penso di aver riconosciuto i sintomi di una meningite: cosa faccio?

Il tuo bambino presenta dei sintomi che ti allarmano e pensi di aver riconosciuto una meningite. La prima cosa da fare è raggiungere l’ospedale più vicino per iniziare al più presto la terapia antibiotica per il bambino e la profilassi per i contatti stretti. Ricorda che la meningite batterica può avere un decorso rapido e, quindi, è fondamentale agire il più tempestivamente possibile.

Cosa succederà al mio bambino una volta arrivati in ospedale?

Appena giunti in ospedale, il tuo piccolo verrà sottoposto a esami: 2

  • clinici dove saranno valutati i sintomi e l’eventuale positività ai segni di Kernig e Brudzinski, maggiormente rilevanti nei bambini al di sopra dei 12 mesi. 2
  • di laboratorio dove verrà eseguita una puntura lombare per prelevare un campione di liquido cerebrospinale per l’analisi microscopica (aspetto, colore) e cellulare (valutazione del microrganismo specifico che ha causato l’infezione)

Se si sospetta una meningite, è fondamentale iniziare al più presto un trattamento antibiotico empirico, senza aspettare gli esiti della puntura lombare. Il trattamento empirico consiste nella somministrazione, possibilmente entro 1 ora dalla valutazione dei primi sintomi, di un antibiotico ad ampio spettro in grado di fornire una prima copertura al bambino.1

In caso di sospetto di meningite i medici somministreranno al tuo bambino, parallelamente all’antibiotico, un farmaco chiamato desametasone, un corticosteroideo 3, molto importante per limitare la sordità. Il desametasone, tuttavia, non è raccomandato nei neonati.1

Quali sono le conseguenze di una meningite?

La rilevanza delle conseguenze di una meningite batterica dipende da diversi fattori:4     

  • età a cui si è avuta la malattia
  • tempo intercorso dai primi sintomi all’ingresso in ospedale
  • eventuale ritardo nella somministrazione dell’antibiotico empirico

La prima, devastante e irreversibile, conseguenza di una meningite è la morte del paziente che avviene nel 5-10% dei casi se trattata e sfiora il 100% se non trattata. 2

Tuttavia, se il tuo piccolo dovesse sopravvivere, il recuperò non sarà senza conseguenze neurologiche che potranno variare in relazione al danno subito dal cervello durante l’infezione:4–6

  • deficit cognitivi e dell’apprendimento di diverso grado
  • ritardo mentale
  • sordità
  • disabilità neuromotorie

Posso evitare tutto questo?

La risposta a questa domanda è “Sì”: puoi evitare al tuo bambino questa malattia e le sue terribili conseguenze grazie alla prevenzione, che non solo ti aiuterà a proteggerlo ma ti permetterà di contribuire a eradicare la malattia, rendendo asili e parchi giochi luoghi sicuri per tutti.


Fonti

  1. Beek, D. van de et al. ESCMID guideline: diagnosis and treatment of acute bacterial meningitis. Clin. Microbiol. Infect. 22, S37–S62 (2016).
  2. Tacon, C. L. & Flower, O. Diagnosis and Management of Bacterial Meningitis in the Paediatric Population: A Review. Emerg. Med. Int. 2012, (2012).
  3. Griffiths, M. J., McGill, F. & Solomon, T. Management of acute meningitis. Clin. Med. 18, 164 (2018).
  4. Türel, Ö. et al. Clinical Characteristics and Prognostic Factors in Childhood Bacterial Meningitis: A Multicenter Study. Balk. Med. J. 30, 80–84 (2013).
  5. Petersen, H. et al. Long-Term Effects from Bacterial Meningitis in Childhood and Adolescence on Postural Control. PLoS ONE 9, (2014).
  6. Hoffman, O. & Weber, R. J. Pathophysiology and Treatment of Bacterial Meningitis. Ther. Adv. Neurol. Disord. 2, 1–7 (2009).

Altre informazioni

primo gruppo in Italia impegnato nel rappresentare bisogni e diritti delle persone colpite da meningite e delle loro famiglie

Scopri chi siamo

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.